giovedì 27 ottobre 2016

I LUOGHI DEL CUORE: Fuga nelle Langhe e Roero



Oggi vi porto nelle Langhe e Roero, un luogo che mi è entrato nel cuore!
La prima volta che siamo andati in queste terre è stato qualche anno fa per il nostro anniversario, infatti ci siamo regalati un week end ad Alba, di cui vi ho già parlato qui. E già in quella occasione avevamo potuto scoprire un paesaggio favoloso, con la nebbiolina che avvolgeva le colline circostanti, era un sogno. Abbiamo deciso di tornarci questa estate, quando qui a Saronno si svolgeva la notte bianca, proprio per evitarne il casino che si sarebbe prolungato fino al mattino.
Ve ne parlo ora perché con i colori dell'autunno deve essere ancora molto bella, anche come mi ha confermato la mia amica Dani che ci è appena stata. Inoltre qui  potete trovare il calendario ricco di eventi in questo periodo.
Ma ora vi lascio le foto delle due città che abbiamo visitato noi: La Morra e Barolo.

LA MORRA



BAROLO



ALCUNE CHICCHE DA NON PERDERE

LA CAPPELLA DEL BAROLO
In località Brunate, presso La Morra, trovate la cappella della Madonna delle Grazie (ora chiamata anche cappella del Barolo). La piccola chiesa, mai consacrata, è stata costruita nel 1914 per volontà di un facoltoso contadino della famiglia Ceretto, con l’obiettivo di radunare la gente che lavorava nelle vigne circostanti in caso di forti temporali o violente grandinate. Negli anni Novanta l’edificio è  stato restaurato. Meraviglioso il paesaggio circostante, siete immersi nelle vigne!






IL CEDRO DEL LIBANO
Sul colle Monfaletto nella frazione Annunziata di La Morra, svetta questo cedro centenario, orgoglio degli abitanti della zona (infatti a noi è stato suggerito dai proprietari dell'hotel dove abbiamo soggiornato) e luogo di pace perché circondato dal silenzio magico della campagna. Si fa ammirare per la sua maestosità e per il contesto naturale in cui è inserito: circondato dai vitigni di Nebbiolo e dai paesi di Langhe e Roero, riconoscibili dalle loro torri e castelli.
La storia del cedro è favolosa. Nel 1856 due giovani, Costanzo Falletti di Rodello ed Eulalia Della Chiesa di Cervignasco piantarono l'albero a ricordo delle loro nozze suggellando così due amori: quello reciproco degli sposi e quello della loro famiglia per queste terre. Secondo la tradizione si trattò di un gesto beneaugurante, simboleggiato proprio dalla scelta di un albero robusto e longevo che potesse riflettere il loro legame: un amore forte e durevole da tramandare alle generazioni future...e così fu, è lì da 160 anni.
Lo raggiungete a piedi, percorrendo una strada sterrata che conduce alla sommità del colle. Attenzione, il colle su cui sorge è posto a ridosso dell'Azienda Cordero di Montezemolo, quindi una proprietà privata. si consiglia pertanto il rispetto degli abitanti della zona.




DOVE SENTIRSI A CASA : BOUTIQUE HOTEL CORTE GONDINA
Noi abbiamo soggiornato in questo hotel nel centro di La Morra, a pochi chilometri da Alba.
Elena e Bruno, i proprietari, hanno saputo unire le atmosfere del passato con i confort contemporanei. L'hotel vuole essere per i suoi ospiti una"casa lontano da casa", e credetemi la sensazione è proprio questa. L'hotel è all'interno di una corte restaurata da poco, e avrete proprio la sensazione di essere nella casa in campagna dei nonni, almeno a me mi ha ricordato quella dei miei nonni!
Dotato di tutti i confort, parcheggio, piscina, wi-fi in camera, un'ottima colazione, spa, noleggio bici è un posticino molto carino dove soggiornare durante la vostra vacanza nelle Langhe.
Appena supererete il portoncino di ingresso di Via Roma, sarete circondati dai ritmi lenti della vostra "casa". Un gusto eccellente nell'arredo e una pulizia tale da rendere questo hotel boutique molto raffinato.
A noi è piaciuto perché incontra perfettamente il nostro gusto e poi perché ci siamo sentiti coccolati, i proprietari sono deliziosi e ci hanno fornito tantissime informazioni per visitare i dintorni, senza di loro sarebbe stata una vacanza a metà perché non avremmo scoperto la chiesetta colorata, il cedro centenario. Davvero molto gentili ed ospitali, per nulla invadenti.
Ve lo consiglio molto!








BOUTIQUE HOTEL CORTE GONDINA
Via Roma 100, La Morra (Cn) 
Tel. 0173.509781 



DOVE MANGIARE
Volete assaporare la cucina piemontese doc? Andate al Wine Bar Barolo Friends, situato ai piedi del Castello Comunale Falletti di Barolo. E' un delizioso ristorante ricavato nei locali storicamente adibiti a forno per la produzione di pane e grissini. Paolo Annoni, un farmacista di origini torinesi, dopo aver esercitato la sua professione fino al 2005, decise di dedicarsi alle sue passioni: i cavatappi antichi , il Barolo e la cucina. Fu così che nel 2013 aprì questo ristorante, un luogo dove poter gustare i piatti della tradizione piemontese accompagnati da grandi vini di Langa e Roero, e proprio accanto al ristorante, il Museo dei Cavatappi dove ci sono 600 esemplari della sua collezione. Infine, acquistò anche un piccolo appezzamento di vigne nel cru Sarmassa dal quale produce poche centinaia di bottiglie di Barolo.
Noi abbiamo mangiato la carne cruda di fassone piemontese con scaglie di tartufo e i Tajarin con ragù di salsiccia e pesto di basilico, il tutto accompagnato dal Barolo.
I Tajarin sono un  tipo di pasta fresca lunga all'uovo che viene preparata a mano dallo chef del ristorante, ricorda le tagliatelle, ma è più fine ed è tipica di queste zone.



Se non ricordo male avevamo concluso con una fettina di torta alle nocciole e zabaione, ma ricercando nelle mie foto non ne ho una, si vede che ce la siamo spazzolata in un nanosecondo!!!
Ci è stato consigliato da Bruno e Elena dell'hotel.

WINBAR BAROLOFRIENDS
Piazza Castello 3, Barolo (Cn)




Fonte foto Cinzia e web