sabato 13 maggio 2017

LIFE: #theoutfitproject


Ciao ragazze, buon sabato! Oggi vi scrivo anche di sabato perché ci tengo a parlarvi di un progetto molto importante e che desidero condividere con tutti voi. Sto parlando del #theoutfitproject.
Che cosa è?
E' un progetto di Chiara, una blogger che seguo da tempo, il suo blog è machedavvero.it.
Chiara è una ragazza che, come molti, soffre di ansia e depressione e talvolta alzarsi la mattina, lavarsi, vestirsi le costa una fatica tremenda e riuscirci rappresenta una grande vittoria.
Penso che solo chi ci è passato, chi sta vivendo queste malattie sappia esattamente della difficoltà e della fatica che anche un semplice gesto, come quello di togliersi il pigiama, possa comportare.
In Italia se ne parla poco, ma non dimentichiamocelo ansia e depressione sono malattie e come tali devono essere curate, affrontate. Sono le cosi dette "malattie invisibili", da fuori si pensa che vada tutto bene mentre dentro è un casino. Vi chiedo di non mimetizzare o giudicare mai la sofferenza altrui solo perché a noi sembra che quella persona non abbia nulla. E' davvero qualcosa di molto serio e che richiede il sostegno e il supporto delle persone vicine.
Ricerche hanno dimostrato che a volte la mattina, guardandosi allo specchio e vedersi in forma può contribuire ad aiutare a sentirsi meglio. Sappiamo tutti che questi sono palliativi, che è necessaria una terapia psicologica e medica, ma questo progetto nasce per celebrare tutti quei giorni in cui ce la si fa, tutti quei giorni in cui ci si prende cura di sé. E' soprattutto un incoraggiamento per chi la mattina pensa di non farcela o che non valga la pena. Invece ha senso, ha sempre senso perché siete voi, perché è la vostra, la nostra vita.
In cosa consiste?
Condividete su Instagram le foto dei giorni in cui vi sentite bene, i giorni buoni, condividete le foto dei vostri outfit o dei vostri accessori. Taggate la foto con l'# #theoutfitproject
L'idea è quella di vestirvi bene per volervi bene.
Ho deciso di condividere questo progetto perché molte persone soffrono di questi problemi, magari ci sono periodi più tranquilli, più sereni ma poi capita di ricadere in questi vortici che ti annullano, ti bloccano, ti imprigionano. Sono assolutamente solidale e sostengo sempre iniziative di questo tipo perché penso che condividere sia la prima mossa per portare alla luce argomenti che in Italia sembrano essere tabù. In realtà più ne parli più ti accorgi che non sei il solo a soffrire di queste malattie. Aiutandoci tutti insieme forse riusciremo anche a fare rete e a superare queste barriere ideologiche. E poi questo è un progetto di incoraggiamento, che è ciò che occorre spesso. Essere incoraggiati, essere motivati, essere supportati.

Vi lascio il link diretto di Chiara dove potete trovare tutte le informazioni e soprattutto conoscere questa splendida ragazza. La foto è stata presa dal suo sito.